Walter Zagato

Tanto si è detto e scritto di Walter Zagato che si rischia sempre di cadere nell'ovvio e nel déjà-vu.
"Virtuoso violinista", "apprezzato sommelier", "gran viveur":
questi sono solo alcuni dei principali titoli apparsi sulla stampa di mezz'Europa. Numerose altre piccole apparizioni - ma non per questo meno importanti - l'hanno visto protagonista pure in alcuni tra i principali casellari giudiziali.
Il suo innato talento, secondo a pochi, terzo solo a taluni, ma quarto proprio a nessuno, è indiscusso e vede unanime la critica: l'amore per la buona tavola gli ha infatti fatto vincere numerosi premi tra i più ambiti, tra i quali citiamo il "Forchetta d'oro 2001", il "Passami il tonno in umido, zio", e la celeberrima "omeletta de pulenta e fasöö".
Per quanto riguarda la musica, la sua carriera è iniziata prestissimo quando alla tenera età di 6 anni, sotto l'ala protettiva di don Carletto Pisculli del Conservatorio "Ave Maria qui tollis peccata mundi" di Abbiategrasso, vinse il primo concorso in solfeggio a pernacchia d'ascella, azzeccando un'impressionante serie di note giuste grazie alla tipica fortuna del principiante.
Da lì in poi è stato un susseguirsi di tentativi, a volte infruttuosi (famoso è il suo esperimento di suonare una marmitta di Fiat Panda utilizzando le posizioni del saxofono tenore), a volte fruttuosi (come l'intraprendere lo studio del violino e perfezionarlo al punto da costituire il mezzo per guadagnarsi il pane e, a mesi alterni, anche qualche altro alimento da accompagnarvicisi), che l'hanno portato a diventare uno tra i più solidi e validi punti di riferimento tutt'oggi viventi.
Resta da scoprire per chi e in che ambito.
Simpatico, estroso, a volte suscettibile, quasi mai nervoso, bastardodentro quanto basta, se lo incontrate per strada e gli chiedete "ma chi è veramente Walter Zagato?" vi può succedere di sentirvi rispondere "Cacchio, era qui un attimo fa, è appena andato via!". 
Avete appena parlato con suo fratello gemello!
Per contattarlo direttamente, chiedergli un pronostico sul grande Toro, farvi spiegare la ricetta dell'impepata di cozze all'insaccato di bufala, chiamatelo a ore pasti e chiedete di Amanda.

....ma siamo seri!!!


«« back
Per iscriversi alla mailing-list premere qui e inviare l'e-mail
Copyright 2006 © Quintetto Bislacco. All rights reserved. realizzato da UbyWeb&Multimedia